Rischio estinzione dei commercianti e delle piccole imprese.

La crisi, la speculazione, il disorientamento politico e la mancanza di aiuti, mettono a rischio estinzione i commercianti e le piccole imprese.

Si sta consolidando l'idea di uno strumento di partecipazione attiva della società locale: la Privilege Card. Lo slogan "Fai la spesa sotto casa - La mia città vive"

rende chiara e semplice la nostra missione. Il gruppo di coordinamento della Privilege Card in questo periodo sta raccogliendo le convenzioni e il quotidiano dialogo con i commercianti e i piccoli imprenditori mette in risalto una situazione arrivata al limite. Grande è il consenso alla nostra iniziativa e lo slogan pubblicizzato è più attuale che mai.

“… davanti alla vetrina non si ferma nessuno, in piazza c’è poca gente, chi passa è sempre di fretta…”, “… noi commercianti passiamo intere giornate con le braccia conserte …”,”… siamo ciclicamente impegnati e espletare obblighi fiscali, non si guadagna più …” , “… la gente non spende più ..”, “… ieri un altro collega ha chiuso l’attività ..”

I commenti si sprecano; le crisi sono cicliche e se c’è un sano governo la crisi passa e si riprende, ma i tempi sono cambiati e sono troppi i fattori che concorrono alla negatività del momento. Chiediamo all’amministrazione comunale di darci una mano. Siamo più che disposti a collaborare con il comune, le associazioni di categoria e gli enti, ma occorre fare qualcosa di più e più velocemente, perché cessi la sofferenza della nostra Città e le frazioni il e centro riparta con fiducia e slancio per risollevare un’economia sul bordo del precipizio. Abbiamo la fortuna di avere una città ben struttura e organizzata per ritornare a essere un’opportunità commerciale veneta tra le più attive e interessanti, un centro commerciale nel verde e nella storia; valorizziamolo.

Centri storici svuotati, imprenditori e commercianti schiacciati da concorrenze sleali, troppe tasse e mancanza di aiuti: ecco la fotografia della nostra regione e dove inizia la muore l’economia nazionale che porta alla chiusura delle saracinesche. Cerchiamo assieme di combattere “la macchina del consumo estremo” i centri commerciali inutili e la sregolatezza degli orari di apertura a tutela di chi continua ad investire nella propria attività. La grande distribuzione è senza dubbio un’attrattiva ma nasconde un dramma reale per i piccoli commercianti che in cerca di clientela chiedono aiutiper continuare a dare un servizio alla comunità.

Sappiamo benissimo che in questi tempi un posto di lavoro è da considerarsi oro colato, ma non bisogna diventare schiavi di un sistema. E’ noto che in termini di economia occupazionale per ogni nuovo posto di lavoro nella grande distribuzione se ne perdono circa cinque nelle piccole e medie imprese che contribuiscono al sostentamento come spina dorsale della buona famiglia e della buona società. Lo svuotamento dei centri cittadini non solo sta compromettendo l’economia locale, ma sta modificando lo scenario, impoverito del flusso di cittadini che anche a livello sociale hanno meno opportunità di scambi interpersonali. In questo momento storico di crisi economica, il grande affanno dell’impresa e della società stessa per le difficoltà di accesso al credito, la diminuzione del potere d’acquisto e l’incertezza e l’inadeguatezza degli stipendi, rappresenta un attacco economico e mortale per tutte quelle attività che da sole non hanno la forza di uscirne.

I partners della Privilege Card sono nomi di prestigio della nostra comunità, preziosi riferimenti che investono, anche in tempi di profonda crisi, perché credono nell’iniziativa comune, e credono che investire nella nostra Città sia un esempio per tutti. La loro esposizione deve fungere da leva all’economia locale, perché sia stimolata l’idea che il rapporto fra Aziende e privato come fra le persone riacquisti quel “valore” che si sta perdendo e che faccia apprezzare quanto si sta facendo. La sana politica, il sano commercio le buone idee ci faranno crescere.

Ben vengano le iniziative, le proposte e i progetti da qualsiasi lato giungano. Tutti i partiti dovrebbero formare un fronte unico a soluzione di questa emergenza. “… la Privilege Card non è ne di destra ne di sinistra; è del cittadino …” come poneva l’accento Giorgio Pesce fondatore dell’iniziativa nel 2001.

Ricordiamo che oltre alle iniziative che stiamo implementando, un passo in avanti a favore della nostra cittadinanza sarebbe l’utilizzo della Privilege Card come carta per l’accesso agevolato all’autostrada da Vetrego-Mirano nelle direzioni Mestre e Padova Est e viceversa. Una specie di “viacard” che porterebbe un sollievo concreto alle spese per chi utilizza questo percorso. Con il Passante di Mestre tutta Mirano, ma soprattutto Vetrego, sta pagando un prezzo troppo alto in termini di disagi, svalutazioni, inquinamento e disservizi ormai arcinoti.

Insistiamo sul fatto che i miranesi, da anni, sono ancora in attesa del rimborso per la penalizzazione del Passante e il tema delle opere di compensazione per il Passante in territorio del Comune di Mirano e dei 19 milioni di euro necessari a realizzarle è argomento ancora vivo nella popolazione e fonte di acceso dibattito e comprovati attriti fra i comitati.

Chiediamo alla CAV (Concessioni Autostradali Venete spa), società mista Regione Veneto-Anas che ha in gestione questa tratta di autostrada e il Passante di Mestre, di abbracciare questa occasione e di estenderla a tutto il miranese che soffre a causa dell’inquinamento atmosferico, acustico, e che paga sotto forma di stess e disagi quotidiani l’uso obbligato dell’automobile per recarsi al lavoro o per necessità professionali imbottigliato in situazioni ingolfate di mezzi privati. Un aiuto per sostenere i costi già pesanti dei carburanti e del semplice possesso di un mezzo di trasporto. Non chiediamo un gesto di generosità ma una azione concreta coerente con il momento dove si cerca di far ripartire il motore dell’economia partendo da interventi semplici: tagli agli spechi, ottimizzazioni e riduzione dei costi per dare più potere d’acquisto a tutti per una iniezione di fiducia.

La Privilege Card si presta a ridare coraggio e i servizi che si possono collegare sono molteplici; è un mezzo semplice e popolare già presente nella nostra quotidianità e si tratta di renderlo attivo su più fronti. Come coordinatori da tempo lavoriamo come collettore con diverse realtà per valutare qualsiasi suggerimento possa essere a vantaggio del cittadino e della comunità, ma se anche tu che stai leggendo ai delle proposte non esitare a contattarci. Abbiamo attivato, e sono in fase di completamento e arricchimento, tre portali internet www.privilegeclubcard.com www.privilegecardmirano.it www.miranomagazine.it mettersi in contatto con noi è semplice.

Confidiamo nella vostra solidarietà nel comprendere l’iniziativa della Privilege Card a sostegno di un interesse comune: il nostro benessere. Ci auspicandoci di smuovere le coscienze di chi decide per noi perché ascolti i cittadini e le loro necessità primarie.

Coordinamento Privilege Card Mirano

Maurizio Foffano

  • Sport, divertimento e attività ludiche ....
  • Notizie, cronaca, cultura e politica nel miranese .....
  • Manifestazioni di piazza, fiere e sagre nel territorio Miranese ......
  • Manifestazioni di piazza, attività politiche...
  • Cutura popolare e tradizioni miranesi ......
  • Notti Bianche, Movida, ....
  • Sport, incontri, sfide, attività delle associazioni sportive ....
  • Cultura, eventi, manifestazioni culturali e attività sociali ....
  • Turismo, eventi, cultura, opportunità ......
/*
*/